Carnevale, bilancio positivo e numeri in crescita (VIDEO)

Martedì 26 Marzo 2019 09:44 Fondazione Carnevale Putignano
Stampa

Il sindaco Giannandrea e il presidente Loperfido

È positivo il bilancio della 625ª edizione del Carnevale di Putignano. A testimoniarlo le scelte vincenti e i numeri entusiasmanti presentati durante la conferenza stampa di chiusura dal presidente della Fondazione Carnevale di Putignano, Giampaolo Loperfido, e dal sindaco di Putignano, Domenico Giannandrea.

Focalizzandosi sugli aspetti economico-burocratici, di più stretta competenza dell’amministrazione comunale, «quella del 2019 – dichiara il sindaco Giannandreachiude il ciclo di cinque edizioni carnascialesche durante le quali sono state rimesse in campo delle scelte importanti, una delle quali con un certo rischio: il biglietto a pagamento. Scelta sulla quale oggi c’è un ritorno.

Il Carnevale è lo spettacolo pop per eccellenza e l’idea di far pagare un biglietto non piace a nessuno, ma senza risorse economiche correnti non si potrebbero garantire tutti quegli standard di spettacolo di cui si è occupata egregiamente la Fondazione in questi anni. Allo stesso modo, non sarebbe possibile garantire le misure di sicurezza imposte dalle nuove norme in materia». «La soddisfazione più grande – conclude Giannandrea – è quella di aver tenuto uno standard alto, riconosciutoci dalla notevole affluenza di pubblico capace di superare quello che poteva sembrare un ostacolo».

«Quella del ticket si è rilevata una scelta vincente – commenta il presidente Loperfidounitamente alle sfilate pomeridiane e all’offerta proposta. Quattro sfilate, oltre 35 eventi collaterali, tre big events musicali, tre appuntamenti con lo sport, altrettante mostre e due incontri letterari. Nel complesso, una grande manifestazione che ha conquistato numeri importanti in termini di presenze e visibilità. Il patrimonio accumulato nel corso degli anni e il lavoro della grande macchina organizzativa ci ha permesso di far fronte a una manifestazione complessa quale il Carnevale e di raggiungere risultati di cui siamo orgogliosi e soddisfatti».

 

I numeri

46.906 i biglietti venduti in totale in occasione dei quattro corsi mascherati (9.201 in più rispetto al 2018), a cui si sommano 19.593 residenti per un totale di 66.499 presenze. Numeri che hanno sviluppato un incasso pari a € 424.893,00 (€ 92.043,50 in più rispetto allo scorso anno). Alle entrate derivanti dalla vendita dei biglietti si aggiungono € 8.911,33 dei parcheggi e € 70.000 della raccolta pubblicitaria.

Ad arricchire lo spettacolo dei corsi mascherati, i grandi eventi musicali con Djs From Mars, Stash e Clementino, gli incontri letterari con Elsa Fornero (in collaborazione con il festival de Il Libro Possibile) e Pif, gli appuntamenti legati al mondo dello sport, gli immancabili riti della tradizione e il consolidato appuntamento con Carnevale N’de Jos’r. Grande anche l’attenzione riservata ai bambini che hanno potuto partecipare alle iniziative pensate per loro: laboratori di cartapesta, spettacoli circensi a cura del Circo Paniko, veglioncini, giuria, incontri di lettura e incontri con i maestri cartapestai. Uno spazio della programmazione è stato dedicato alla valorizzazione della maschera di Farinella, attraverso uno spettacolo teatrale e la pubblicazione del libro di Dino Parrotta “Farinella e l’asteroide”. Da non dimenticare le tre mostre allestite negli spazi del Museo Civico Principe Guglielmo Romanazzi Carducci di Santo Mauro, visitate da oltre 1.000 persone, e il rinnovato appuntamento con il Carnevale degli Animali. Occasione, quest’ultima, per raccogliere e devolvere circa 8 quintali di cibo ai cani più bisognosi. E ancora, 1.345 i biglietti della Lotteria venduti e 2.500 i visitatori del Carnevale che hanno usufruito dei treni e dei bus speciali attivati dalle Ferrovie Sud-Est in occasione delle sfilate.

Di rilievo l’attenzione da parte della stampa nazionale e internazionale verso il Carnevale di Putignano. Fino ad oggi si contano oltre 400 articoli cartacei online, 42 servizi televisivi, 331 articoli online, una copertura mediatica di qualità da SkyTg24 a SkyMag, Rai2, Rai3, TgCom24, Tv2000, Touring Club, Ansa, Vanity Fair solo per citarne qualcuno e la presenza di troupe televisive tedesche e francesi. Dati più che positivi e in continuo incremento anche sui canali digital. Sul sito web 130mila visite (+16,57% rispetto al 2018) e oltre 128mila nuovi utenti (+16,22% rispetto allo scorso anno). Incremento di follower e di prestazioni anche sui social: su Facebook 5.044 i nuovi like alla pagina e oltre 5milioni le interazioni con i post; su Instagram 3.217 i nuovi follower, 7.625 i post con hashtag #carnevalediputignano e 1.031 stories.

Dati e cifre più che positive, quindi, di un grande evento che si conferma un attrattore di rilievo nazionale. Una manifestazione che culturalmente crea un valore aggiunto non solo per Putignano ma per tutto il territorio.

 

Il libro del Carnevale di Putignano

La conferenza di chiusura della kermesse carnascialesca 2019 è stata anche l’occasione per presentare “Anima e coriandoli”, la prima pubblicazione della Fondazione Carnevale di Putignano.

Un libro, prossimamente in vendita, che racconta per parole e fotografie cosa che c’è dietro la manifestazione putignanese, a partire dai manufatti in cartapesta. Quello che siamo soliti vedere è la maestosità dei carri allegorici, ma spesso non riusciamo a percepire il mondo complesso e strutturato che vi è dietro e tutt’intorno. Parte da questa riflessione il racconto che è stato sviluppato ed espresso nel libro.

La narrazione comincia dalle origini, dalle propaggini e dalla maschera di Farinella, per poi addentrarsi nel mondo del food con Paolo Campanella l’ultimo produttore di Farinella, in quello dei carri allegorici – dall’idea che prende forma nel bozzetto all’argilla modellata e al calco di gesso, dalla lavorazione della carta all’anima in ferro, dalla meccanica alla colorazione – nel mondo dell’artigianato artistico con le opere di Luigia Bressan, nel comparto tessile. E ancora, il barbiere Domenico Santoro e il suo juso, la vera essenza del Carnevale, e l’artigiano della felicità, il coriandolaio Vincenzo Lombardi. In una parola le maestranze, le eccellenze che fanno il Carnevale di Putignano.

Al termine della conferenza stampa, il presidente Loperfido ha annunciato la presenza del Carnevale di Putignano alla Biennale di Venezia con un laboratorio sulla cartapesta in programma il 14 e il 15 maggio e ispirato alle opere dell'artista polignanese Pino Pascali.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Marzo 2019 11:06