Monopoli, blitz della Polizia nelle contrade

Venerdì 28 Giugno 2019 14:34 amministratore
Stampa

L’intensificazione delle attività di prevenzione di questi giorni della Polizia di Stato si sta concentrando sul monitoraggio anche delle arterie principali per scoprire gli autori dei furti che agiscono nelle contrade di Monopoli e in generale nel Sud- est della provincia di Bari. Inoltre, numerose sono state le attività di prevenzione realizzate lungo la costa e nei pressi dei parcheggi utilizzati dai turisti per evitare i furti su auto. Già venerdì sera, nell’ambito dell’Operazione “Alto Impatto” disposta dal sig. Questore di Bari e con il rinforzo di alcune unità operative del Reparto Prevenzione Crimine sono state setacciate le numerose contrade di Monopoli, con l’acquisizione di numerosi dati attraverso il rilevamento elettronico in ordine ai veicoli in transito utile a risalire ad autovetture sospette.

Questa analisi delle informazioni così assunte (riferite a 26 autovetture monitorate) risulta di fondamentale importanza per attestare la presenza di gruppi dedidi a reati predatori al fine di svolgere un lavoro di maggiore incisività. In ogni caso, questa prima attività consentiva di controllare anche in modo diretto con identificazione di 53 persone a bordo di 32 veicoli, con l’espletamento di 8 posti di controllo in diverse zone del territorio, di effettuare una perquisizione a carico di un pluripregiudicato residente nelle contrade di Monopoli. Nel corso dell’operazione a largio raggio venivano effettuati anche un controllo ad un esercizio pubblico e numerosi controlli a persone sottoposte a misure restrittive (arresti domiciliari, sorvegliati speciali, ecc). Molto intenso risultava il pattugliamento nelle contrade fino a notte inoltrata.

La sera successiva, il rafforzamento del servizio di pattugliamento veniva esteso anche ad altri comuni limitrofi e lungo l’arteria del canale di Pirro una delle volanti impiegate ingaggiava un inseguimento con una autovettura rubata a Locorotondo. Le manovre spericolate da parte dei malfattori si concludevano dopo pochi chilometri con la Fiat 500L che usciva fuori strada e i malfattori che si davano alla fuga. Le indagini per risalire ai malviventi sono proseguite perché all’interno dell’abitacolo veniva rinvenuta una mazza da baseball utilizzata dali stessi per effettuare i furti di autovettura. Successivamente nella zona in cui veniva dato inizio all’inseguimento veniva di fatto scoperto un punto di stoccaggio dei mezzi rubati nel Sud-Est barese con il rinvenimento di targhe ed altri elementi che sono al vaglio degli investigatori del Commissariato di P.S. di Monopoli.

Nel corso delle specifiche attività di monitoraggio per i furti nelle contrade di Monopoli è stata individuato un gruppo di pregiudicati “baresi”, provenienti dal Quartier San Paolo. In particolare, una unità operativa della Polizia di Stato di Monopoli, mentre era di pattuglia lungo la statale 16 nella corsia Nord, notava il transito di un’auto sospetta che riusciva a fermare all’altezza dello svincolo per Conversano. Nella Fiat Punto controllata ed occupata da 2 persone, infatti, a seguito di perquisizione del mezzo, venivano rinvenuti atti idonei a scassinare abitazioni, nonché due apparati radio accesi. Entrambi gli occupanti risultavano avere precedenti per furti in abitazione e l’approfondimento degli accertamenti consentiva di stabilire che uno di loro era anche sottoposto all’avviso orale aggravato da parte del Questore di Bari. (V.F. di anni 56)

Veniva effettuata una perquisizione al mezzo all’interno del quale veniva trovato il materiale per compiere furti ben occultato. Uno dei due era anche privo di documenti e pertanto veniva sottoposto a rilievi fotodattiloscopici a cura della Polizia Scientifica. Al termine delle attività il proprietario del veicolo veniva denunciato all’A.G. per il possesso di arnesi atti allo scasso, nonché per la violazione penale all’avviso orale aggravato, avendo lo stesso il possesso di radio portatili, la cui detenzione - in virtù del provvedimento di prevenzione – gli risulta vietata. Il materiale illecitamente detenuto veniva sequestrato e a carico dei fermati è inoltre stata proposta anche la misura del Divieto di Ritorno nel Comune di Monopoli.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 28 Giugno 2019 14:36